martedì 7 ottobre 2008

Disegno: La funzione comunicativa delle ombre

Le ombre proprie e portate degli edifici mutano continua­mente nel corso della giornata, dando luogo a effetti in grado di aumentare oppure ridurre l'espressività delle forme architetto­niche e l'intelligibilità dei rapporti spaziali intercorrenti fra i vari elementi costruttivi.

Tali mutamenti sono dovuti al modificarsi della direzione e dell'inclinazione dei raggi luminosi provenienti dal sole. Infatti, in ragione dell'apparente movimento del sole da est a ovest, i raggi giungono a noi percorrendo di volta in volta traiettorie diversificate in funzione sia dell'ora, sia della stagione e sia della latitudine in cui ci troviamo. Ne consegue che per rappresentare la reale ombra propria e portata di un edificio situato, per esem­pio, a Roma, occorre fare riferimento alle carte solari. Queste consentono di conoscere, per ogni città, i valori angolari delle due coordinate necessarie a definire la posizione del sole in ciascuna ora dei quattro giorni caratteristici dell'anno solare: il solstizio estivo e quello invernale, l'equinozio di primavera e d'autunno.

Una delle suddette coordinate è l'angolo zenitale, del quale ci si serve per individuare l'altezza del sole rispetto alla linea di orizzonte e quindi stabilire l'esatta inclinazione dei raggi lumi­nosi, data l'ora, la stagione e la latitudine. Per citare qualche esempio, d'inverno la luce solare determina un angolo zenitale più acuto con il suolo e le ombre prodotte sono più lunghe di quelle estive; similmente sono più lunghe le ombre al mattino che non a mezzogiorno.

L'altra coordinata è l'angolo azimutale, corrispondente all'angolo che la direzione dei raggi luminosi forma con la per­pendicolare al quadro prospettico.

Mediante l'azimut e lo zenit si può dunque predeterminare lo specifico effetto d'ombra nel sito in cui si trova l'edificio preso in esame, alla data e all'ora desiderate.

Nella comune pratica del disegno, la direzione e l'inclinazio­ne dei raggi luminosi sono varianti che spetta al disegnatore decidere. Si tratta però di una scelta meritevole di attenta valu­tazione, in quanto la costruzione delle ombre non va ridotta alla. stregua di un esercizio grafico fine a se stesso, ma deve piuttosto mirare a far meglio comprendere la struttura formale e la collocazione spaziale degli oggetti rappresentati.

In termini di teoria dell'informazione, un “disegno con le om­bre” è in definitiva un disegno dotato di doppio potere comuni­cativo, poiché assomma in sé una doppia quantità di informa­zioni visive: una dovuta al metodo di rappresentazione utilizza­to (proiezione ortogonale, assonometrica o prospettica); l'altra dovuta appunto alle ombre, le quali costituiscono un'ulteriore proiezione, dedotta dalla prima, appositamente aggiunta per rendere più immediatamente e più chiaramente leggibile ciò che altrimenti risulterebbe confuso o soggetto a interpretazioni errate. A inizio di questa parte del libro abbiamo già avuto oc­casione di soffermarci sul genere d'informazione che può essere veicolato dalle ombre portate nelle planimetrie. Occorre ag­giungere la non minore capacità comunicativa delle ombre ap­plicate ai prospetti: l'aggetto di un balcone, la rientranza di un'apertura, la curvatura di una superficie muraria, sono tutti casi utili a dimostrare il potere d'informazione visiva posseduto dalle ombre anche nel disegno degli alzati architettonici.

Fidando nelle ombre per avere dei supplementi d'informazio­ne circa la forma e la posizione degli oggetti, partiamo dal pre­supposto, confortato dall'esperienza di ogni giorno, che le fonti di luce sono di norma situate a una certa altezza, cosicché i raggi luminosi provengono dall'alto verso il basso.

Osservate le figure: Il volto a destra è il calco di quello a sinistra, ed è quindi concavo: invece di sporgere in fuori, il suo naso, le labbra ecc., sono rientranti nel gesso. Eppure non pos­siamo fare a meno di vedere convessi entrambi i volti. Ciò di­mostra che la nostra mente, dovendo optare fra una improbabi­10 illuminazione dal basso e una ancor più improbabile faccia concava, esclude la seconda ipotesi a favore della prima (ma in realtà anche il volto a destra riceve luce dall'alto).


8 commenti:

find penny stocks ha detto...

haha.

nalya ha detto...

ciao, inserito il tuo link tra i miei :)http://nalya.wordpress.com

Joker ha detto...

ciao! ho inserito il tuo link in http://nongiornalisti.blogspot.com

smxworld ha detto...

Ciao, qui smxworld. Ti ho linkato anche io

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonimo ha detto...

ӏ hardly comment, however after reаding some of the comments οn "Disegno: La funzione comunicativa delle ombre".
I actually dο have 2 questionѕ for you іf іt's allright. Could it be just me or does it give the impression like some of these remarks come across as if they are written by brain dead folks? :-P And, if you are writing at additional online sites, I'd lіke to follow you.

Would yоu list of all of youг ρubliс ρagеs lіke your twitteг feed, Fасebooκ
page оr linkedin profile?

Stoρ by my website - Hair Salon Los angeles